La Borraccia per il 13 aprile

Rubrica a cura di Corrado Gnerre


Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi ogni tanto. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione, che si sorseggia ogni tanto. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.


L’ACQUA

(Voi razionalisti), infrangendo la Croce, finite con il distruggere il mondo abitabile.

(G.K.Chesterton, La sfera e la Croce)

I SORSI

1

Cari pellegrini, dinanzi a noi si mostra una suggestiva casa nel bosco. Sembra un’immagine da fiaba.

2

Nell’acqua di questa borraccia, Chesterton ci dice che senza la Croce si distrugge il mondo abitabile.

3

Abitabile vuol dire vivibile.

4

Un bosco, per quanto possa essere bello e suggestivo, non è di per sé abitabile dall’uomo. Questi, infatti, se vivesse in un bosco, non potrebbe ripararsi dal freddo e dall’intemperie.

5

Una casa sì: una casa è abitabile. E se poi questa è confortevole, è ancora più abitabile.

6

L’abitabilità è necessaria, non è una sorta di optional. L’uomo non è fatto per vivere senza una dimora, un riparo, un ristoro, un luogo che lo accolga.

7

Fuor di metafora: la Croce è ciò che rende davvero abitabile la vita dell’uomo.

8

Senza la Croce, fallisce qualsiasi tentativo di spiegare e dare un senso a ciò che accade nella vita.

9

Il dolore, senza la Croce, è un non-senso.

10

Torniamo all’immagine del bosco. Questo è bello, ma non è abitabile. Lo diviene se in esso c’è una casa. Allora sì che stare nel bosco diverrebbe anche attraente e soddisfacente. Affacciarsi dalle finestre della casa, vedere gli alberi innevati e il gelo tra i fili d’erba, e restare al caldo del proprio rifugio.

11

La Croce è come una casa nel bosco: rende abitabile ciò che non lo è di per sé.

12

E il bosco, con le sue insidie, è il mondo in cui dobbiamo vivere.

Al Signore Gesù

Signore, grazie che hai donato a noi uomini non semplicemente la croce, ma la Tua Croce.

La croce di per sé è la sofferenza, ma la Tua Croce è la sofferenza vissuta e risolta da Te, che sei il solo a poter consolare nel dolore.

Alla Regina dello Splendore

Madre, se la Croce è la calda casa che rende abitabile il gelo del bosco della vita, Tu sei Colei che rende ancora più bella e splendente questa casa.

Una casa senza una mamma, non è una casa.

Una casa, senza una mamma, è spoglia e forse poco curata.

Con Te, Madre, voglio vivere nello splendore della casa della Croce.

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "La Borraccia per il 13 aprile"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*