SELEZIONE CATTOLICA: Arrestati dopo un folle inseguimento. Il giudice lilibera. L’ira dei Carabinieri (italia)

FONTE: ilgiornale.it

Claudio Cartaldo

La caccia all’uomo era durata per ore, con l’incubo dell’Audi Gialla che tornava nella mente dei poliziotti di Treviso e Pordenone. Questa volta l’auto era sempre un’Audi A6, ma nera. Al suo interno tre banditi che l’avevano appena rubata e con la quale i tre albanesi avevano messo a segno diversi furti tra Friuli e Veneto. Lo spiegamento di forze era riuscito a mettere le manette ai polsi di Lorenc (39) ed Enis Shafloqi (22) ed Elton Alia (incensurato). Ma il giudice li ha liberati subito. Graziandoli con la sola “denuncia a piede libero”.

La decisione della procura ha fatto scattare la comprensibile ira delle forze dell’ordine. Secondo il Gazzettino, infatti, i comandanti dei carabinieri avrebbero mostrato il loro disappunto riguardo la scelta del procuratore di Treviso di considerare “insufficienti” gli elementi raccolti dai militari durante la caccia all’Audi nera. In sostanza, sebbene l’auto l’avessero rubata il 10 ottobre a Pordenone, nonostante i carabinieri fossero certi avessero messo a segno dei furti, nonostante i posti di blocco forzati e gli inseguimenti, secondo il procuratore non c’erano “elementi sufficienti” per trattenere in carcere i tre albanesi. Tutti liberi, quindi. In barba al lavoro degli uomini in divisa.

I ladri si erano anche gettati in un fiume per sfuggire alla cattura. Quando sono stati portati in caserma si sono asciugati. E poi il giudice li ha liberati.

 

 

 

Share on:

Be the first to comment on "SELEZIONE CATTOLICA: Arrestati dopo un folle inseguimento. Il giudice lilibera. L’ira dei Carabinieri (italia)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*