SOSTA – Anche i “tolleranti” non possono fare a meno della censura

Cari pellegrini, la televisione è quella che è; e noi, ovviamente, consigliamo di snobbarla quanto più possibile. Il buon Padre Pio (oggi san Pio da Pietrelcina) quando l’appellava come il “demonio in casa” non aveva affatto torto, se si pensa cosa questo strumento sia riuscito a fare nelle famiglie e come soprattutto sia riuscito a modificare le menti degli spettatori. Eppure, ai tempi di Padre Pio, era la Televisione di una volta, quella degli anni ’60, quando ancora la controllava una sana censura.

Cari pellegrini, vi chiederete il perché di questo riferimento alla TV. Ve lo diciamo subito. Vogliamo fare una brevissima sosta sulla recente notizia che ci ha informato di un programma televisivo della RAI, Parliamone sabato, chiuso perché ha parlato del perché molti italiani preferirebbero fidanzarsi con donne dell’est.

Ora, premettendo che una questione come questa, fa capire il livello del programma stesso, per cui orgogliosamente confessiamo che prima di leggere questa notizia, non sapevamo affatto dell’esistenza dello stesso… premettendo questo -dicevamo- riteniamo significativo il fatto che per un motivo del genere si sia intervenuti per stoppare la trasmissione.

Presi dalla curiosità, ci siamo informati e siamo venuti a conoscenza che nella trasmissione si è detto che gli italiani preferirebbero le donne dell’est perché queste manifesterebbero una femminilità maggiore: non sarebbero brontolone, sarebbero più remissive… e -inaudito!- più casalinghe.

Apriti Cielo! Cari pellegrini, siamo proprio agli antipodi di quello che il “politicamente corretto” impone.

In un tempo in cui la TV promuove l’omosessualismo, la famiglia allargata e allungata,  slabrata o ristretta, in cui non si fa problema di nulla… il problema diventa invece pubblicare una statistica secondo cui l’uomo desidera ancora una donna che sia donna.

E per essersi permessi di comunicare una cosa del genere, anche la censura va bene. A dimostrazione che della censura non si può mai fare mai a meno. Mai. E che anche i “tolleranti” la pretendono, eccome.

Quelli che ieri l’attaccavano in nome della libertà e contro l’oscurantismo della cultura nazionalpopolare-cattolica, oggi la invocano contro omofobimaschilisti e populisti.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "SOSTA – Anche i “tolleranti” non possono fare a meno della censura"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*