La Storia sta dando ragione a Charette!

Cari pellegrini, molti di voi conosceranno queste celebri parole che sono le parole di un capo dell’insurrezione vandeana, François de Charette (1763-1796):

”La nostra patria sono i nostri villaggi, i nostri altari, le nostre tombe, tutto ciò che i nostri padri hanno amato prima di noi. 

La nostra Patria è la nostra fede, la nostra terra, il nostro re. 

Ma la loro patria, che cos’è? Lo capite voi? Vogliono distruggere i costumi, l’ordine, la Tradizione. Allora, che cos’è questa patria che sfida il passato, senza fedeltà, senz’amore? Questa patria di disordine e irreligione?

Per loro sembra che la patria non sia che un’idea; per noi è una terra. Loro ce l’hanno nel cervello; noi la sentiamo sotto i nostri piedi, è più solida. 

E’ vecchio come il diavolo il loro mondo che dicono nuovo e che vogliono fondare sull’assenza di Dio… 

Si dice che siamo i fautori delle vecchie superstizioni… Fanno ridere! Ma di fronte a questi demoni che rinascono di secolo in secolo, noi siamo la gioventù, signori! Siamo la gioventù di Dio. La gioventù della fedeltà”. 

Sono parole da incorniciare. Soffermiamoci sulla conclusione: Ma di fronte a questi demoni che rinascono di secolo in secolo, noi siamo la gioventù, signori! Siamo la gioventù di Dio. La gioventù della fedeltà”. 

Charette lo dice chiaramente: chi rimane fedele alla Tradizione, chi non si vergogna della Fede dei padri, non solo rimane giovane, ma esprime anche una gioventù perenne.

E’ invece chi vuole distruggere tutto che si mostra vecchio. E’ la dissoluzione totale di ogni valore che esprime il superamento di se stesso e quindi è già “vecchio” nel momento stesso che avviene.

Ciò che sta accadendo in questi tempi dimostrano che Charette è stato buon profeta.

In Europa l’amore per le identità nazionali rinasce. In realtà non era mai morto né poteva mai morire, in quanto radicato nell’ordine naturale delle cose e nella profondità umana più vera.

Dopo più di due secoli, il giacobinismo astratto e cosmopolita si dissolve. E soprattutto nel cuore dei giovani rinasce l’amore per la propria terra.

Certo, tutto questo non basta. E’ certamente insufficiente per una vera restaurazione. Ma è una luce.

E dinanzi ad una luce che brilla nelle tenebre non ci si può che rallegrare.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "La Storia sta dando ragione a Charette!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*