Togliere i figli per un’educazione troppo cristiana. Succede in Norvegia.

Il sito medjugoje-italia.com riporta un caso allucinante:

Marius Bodnariu, un rumeno di Bucarest e la moglie norvegese, Ruth,  si erano trasferiti a Naustdal, Norvegia 10 anni fa, dove hanno cresciuto cinque figli. Il 16 novembre, gli agenti di governo della protezione dei giovani hanno preso i due figli maggiori della famiglia Bodnariu, presentandosi alla loro scuola e li hanno portati fuori classe senza informare i genitori. Successivamente i servizi di protezione giovani, hanno riferito che i bambini erano sotto la cura di due famiglie adottive, si erano adattati bene e non sentivano la mancanza dei loro genitori. Marius e Ruth sono stati informati più avanti che per il Governo che erano colpevoli di radicalismo cristiano ed indottrinamento. A quanto pare, la decisione è stata istigata dal preside della scuola, che si lamentava di perché Bodnariu erano” molto cristiani “e la loro convinzione che Dio punisce il peccato” crea una disabilità nei bambini . Di conseguenza, il direttore pensava che i genitori avessero bisogno della” guida del governo per educare la loro famiglia, ed era preoccupato per la disciplina usata, in quanto presupponeva che la punizione fisica fosse stata utilizzata qualche volta. Ma dopo un esame fisico dei bambini, nessun abuso fisico è stato scoperto. L’udienza del 27 novembre ha respinto il ricorso della famiglia Bodnariu per ricongiungersi con i propri figli. La Corte ha stabilito che essi devono rimanere sotto la cura dei suoi genitori adottivi, mentre Mario e Ruth possono visitare il figlio di tre mesi ,due volte settimana, per due ore. Hanno chiesto di vedere anche i loro due bambini più grandi, ma la Corte non ha concesso il diritto di visitare le loro figlie. I genitori stanno studiando altre azioni legali. Nel frattempo, una petizione ha iniziato a sostenere la famiglia e ha raccolto quasi 30.000 firme, e una pagina Facebook documenta la situazione della famiglia. Il 2 dicembre, il romeno Senatore Titus Corlăţean ha parlato a nome della famiglia Bodnarius della Commissione per la parità e la non discriminazione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE) a Parigi. Corlatean ha condannato quello che considera un comportamento abusivo da parte del governo norvegese e ha chiesto un’indagine dell’Assemblea. Egli ha anche evidenziato le azioni precedenti da parte dei servizi di protezione dell’infanzia norvegesi, che hanno separato i bambini dai loro genitori sulla base di accuse infondate, e più di 38 famiglie provenienti da vari paesi da vari paesi hanno denunciato il rapimento dei figli da parte delle autorità norvegesi e hanno portato il caso alle istituzioni europee. Il fratello di Mario, il pastore Daniel Bodnariu, scrive:” Attesto e giuro con veemenza che Marius e Ruth hanno generato e cresciuto una famiglia ‘normale’ con i valori cristiani. Questi genitori amano i loro figli e hanno seguito ogni passo nella crescita dei figli con amorevole cura, in tutti gli aspetti del loro benessere. La separazione della loro famiglia praticata dal Barnevernet [servizi di tutela dei minori] è un incubo nella vita di Mario e Ruth ed è allucinante. La loro speranza è fondata e si fonda in Dio; si può cambiare qualsiasi situazione e le Sue opere sono meravigliose.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Togliere i figli per un’educazione troppo cristiana. Succede in Norvegia."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*