Tutti gli uomini sono scaturiti da una sola coppia… lo dice la scienza!

Per tanto tempo si è affermata l’impossibilità di credere che l’umanità intera si fosse sviluppata da una sola coppia. Da questa convinzione è scaturita la teoria poligenista che si è contrapposta a quella monogenista.

Per monogenismo si intende la teoria secondo cui l’intero genere umano sia scaturito da una sola coppia, mentre per poligenismo s’intende la dottrina secondo cui il genere umano sia scaturito da più coppie.

La dottrina cattolica come si pone di fronte a questa questione?

Per essa è accettabile solo il monogenismo. Scrive Pio XII nell’Humani generis del 1950: “I fedeli non possono abbracciare (il poligenismo, perché inconciliabile) con quanto le fonti della Rivelazione e gli atti del Magistero della Chiesa ci insegnano circa il peccato originale, che proviene da un peccato veramente commesso da Adamo individualmente e personalmente, e che, trasmesso a tutti per generazione, è inerente in ciascun uomo come suo proprio.” Questo passaggio dell’Humani generis rimanda al Concilio di Trento, sessione V, Decreto sul peccato originale, canone 1: “Se qualcuno non confessa che Adamo, il primo uomo…”. Infatti, san Paolo dice in Romani 5, 12: “Quindi, come a causa di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e con il peccato la morte, così anche la morte ha raggiunto tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato.”

Quando Pio XII, nella sua Humani generis, disse quello che disse ci fu una levata di scudi: ma è mai possibile – affermarono in molti – che la Chiesa vada così contro l’evidenza? Come si può credere, in pieno XX secolo, che miliardi e miliardi di uomini possano essere scaturiti da una sola coppia?

E invece Pio XII fu profetico. L’Humani generis è del 1950 e solo tre anni dopo l’americano Watson e l’inglese Crick scoprirono il DNA. Ebbene, oggi, attraverso l’analisi del nucleo mitocondriale, sappiamo che l’intero genere umano è scaturito da una sola coppia primordiale. In un articolo sulla rivista Le Scienze (n.286 del giugno 1992) i professori Wilson e Cann dell’Università di Berkeley annunciarono: “I confronti genetici nello studio del DNA mitocondriale, che viene trasmesso solo per via materna, depongono a favore del fatto che tutta l’umanità attuale possa essere ricondotta per ascendenza materna a una sola donna che visse probabilmente in Africa circa 200.000 anni fa. L’umanità moderna apparve in un unico luogo e da lì si propagò.”  La stessa rivista ci informa che altri scienziati (non solo americani, ma anche giapponesi), effettuando studi sul nucleo mitocondriale, sono arrivati a conclusioni analoghe: la prima donna sarebbe comparsa tra 150.000 e 180.000 anni fa. A risultati simili (cfr.Le Scienze n.281 del gennaio 1992) erano pure arrivati, per via diversa, Cavalli-Sforza e il suo gruppo della Stanford University. Il Corriere della sera del 15.11.2005 scrisse: “Tutti gli abitanti del pianeta Terra discendono da un uomo e una donna vissuti tra 180 e 200 mila anni fa in una valle dell’Etiopia. Due individui realmente esistiti che hanno dato vita alla specie Homo sapiens sapiens, cioè a tutti noi, indipendentemente dal colore della pelle. I resti ossei rinvenuti suggeriscono che il loro aspetto fosse praticamente identico a quello degli attuali etiopi (…).[1]

Insomma, più progrediscono le conoscenze scientifiche e più la Rivelazione viene confermata.


[1] V.Dominici, Siamo tutti africani, in Corriere della Sera del 25.11.2005.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "Tutti gli uomini sono scaturiti da una sola coppia… lo dice la scienza!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*