«Un politico cattolico che sostiene l’aborto deve pentirsi per fare la comunione»

epa07896492 Democratic candidate for Presidency and Former US Vice President, Joe Biden delivers a speech during the SEIU's Unions for All summit in Los Angeles, California, USA, 04 October 2019. The SEIU (Service Employees International Union) is a labor union representing almost 1.9 million workers in the United States and Canada. EPA/ETIENNE LAURENT

Selezionato da: iltimone.org


La polemica sulla ricezione della Comunione da parte dei sostenitori dell’aborto ha come scopo aiutare tutti i cattolici a crescere in comunione con Cristo, ha scritto il vescovo di Tulsa, in Oklahoma, ai fedeli della sua diocesi in una lettera pastorale. «Il mancato riconoscimento di Gesù come Signore è di particolare preoccupazione pastorale per la Chiesa, specialmente quando veniamo a riceverlo nell’Eucaristia», ha scritto monsignor Konderla il 16 luglio nella lettera intitolata Signore, non sono degno. «In ultima analisi, il fulcro di tutta questa controversia non è negare alle persone l’Eucaristia, ma piuttosto aiutare tutti noi a crescere in comunione con Cristo Signore».

A giugno, dopo un ampio dibattito, la conferenza episcopale degli Stati Uniti ha votato per iniziare a redigere un documento sul significato dell’Eucaristia. Il problema della ricezione della Comunione da parte dei politici pro-aborto è emersa in quanto sia il presidente Joe Biden che la presidente della Camera Nancy Pelosi sono cattolici e sostengono fortemente l’aborto legale e l’aborto finanziato dai contribuenti.

Con frequenti riferimenti alla Scrittura, Signore, non sono degno si apre con l’apprezzamento del vescovo Konderla per la storia di Zaccheo, peccatore impenitente finché, «il giorno in cui viene alla presenza di Gesù Cristo, riconsidera la sua vita e, per grazia di Dio, diventa un discepolo. Credo che questo racconto evangelico faccia luce sull’attuale controversia sulla ricezione della Comunione da parte di persone che sostengono il male dell’aborto», ha riflettuto.

«La nostra reazione piena di fede alla presenza del Signore [nell’Eucaristia] dovrebbe essere come quella di Zaccheo. Dovremmo possedere una profonda gratitudine e gioia a causa della Sua grazia. Dovremmo essere pieni di umiltà e pentimento a causa della Sua misericordia. E dovremmo avere il desiderio di crescere come Suoi discepoli a causa del Suo amore. Ma può succedere tutto questo se non riconosciamo la presenza del Signore nell’Eucaristia a causa della nostra ignoranza o del rifiuto di credere ai Suoi insegnamenti?» Pertanto, ha scritto il vescovo, «è logico che chiunque sostenga l’aborto si indigni anche quando gli viene detto che non può ricevere la Santa Comunione. La tacita approvazione del peccato grave attutisce la coscienza e la capacità di discernere la presenza del Signore. Sono come Zaccheo che si rifiuta di salire sull’albero per vedere Gesù. E se una persona non crede di ricevere il Signore nell’Eucaristia, allora sarebbe quasi impossibile per loro credere che il loro impegno in un tale peccato mortale metterebbe la loro anima in pericolo eterno».

In contrasto con questo atteggiamento, ha sottolineato l’affermazione di San Paolo nella Prima Lettera ai Corinzi: «Chi dunque mangia il pane o beve il calice del Signore in modo indegno, sarà responsabile del Corpo e del Sangue del Signore. Esaminatevi e solo allora mangiate del pane e bevete dal calice. Poiché tutti coloro che mangiano e bevono senza discernere il corpo, mangiano e bevono il giudizio contro se stessi».

«Ora, se una persona si professa cattolica e non crede a queste cose, allora la sua reazione quando gli viene detto che non dovrebbe ricevere il sacramento sarebbe prevedibile: “Come osi rifiutarmi?” La negazione dell’Eucaristia sarebbe considerata scortese o inospitale». Eppure Cristo «ci insegna che una tale negazione è in realtà caritatevole, destinata alla salvezza di un’anima sviata che rifiuta di riconoscere il male dell’aborto», ha detto il vescovo.

«In definitiva, il punto di questo insegnamento sulla corretta ricezione della Santa Comunione è di offrire a tutte le persone l’opportunità di pentirsi, sia che si tratti di sostenere l’aborto o di qualsiasi altro peccato grave, in modo che quando si avvicinano all’altare siano veramente in comunione con Gesù Cristo». Questa istruzione «è particolarmente importante per i vescovi», ha riflettuto monsignor Konderla. L’aborto «è un male intrinseco, cioè non c’è mai una circostanza che possa giustificarlo. Le leggi che lo proteggono sono ingiuste e, quindi devono essere corrette. Offende Dio e i principi della nostra fondazione, proprio come hanno fatto una volta con la la difesa della schiavitù. Abbiamo corretto quell’errore e ora dobbiamo correggere questo».

Il vescovo ha spiegato che «un leader politico è una persona pubblica. Quindi, un leader politico che si professa cattolico e sostiene l’aborto, diventa pubblicamente complice di un grave male. Se diventano consapevoli di questo peccato, dovrebbero pentirsi e non avvicinarsi per ricevere Cristo nella Santa Comunione fino a quando non si sono riconciliati con Lui attraverso la Chiesa. Ma se si rifiutano di pentirsi, il loro vescovo dovrebbe avvertirli che il loro sostegno all’aborto è in conflitto con la fede e mette a rischio la loro anima. Se persistono ostinatamente nel loro sostegno all’aborto, allora dovrebbe essere loro negata la Santa Comunione, come chiaramente insegnato nel Diritto Canonico e nel Catechismo».

Ha sottolineato che le persone pubbliche «affrontano grandi pressioni e hanno bisogno delle nostre preghiere. Proprio come le Scritture condannano l’omicidio dell’innocente con l’aborto, condannano anche l’odio o il giudizio. I cristiani sono un popolo di speranza e crediamo che il pentimento sia possibile per tutti… Ogni giorno, madri e padri che hanno abortito trovano la guarigione attraverso il pentimento, la confessione sacramentale e l’elaborazione del dolore per i bambini che hanno perso. E la stessa redenzione è possibile per coloro che ora sostengono l’aborto».

«Siamo chiamati a pregare per i nostri leader che sostengono l’aborto e a fare penitenza e digiuno per loro in modo che possano seguire la via di Gesù Cristo», ha concluso il vescovo Konderla. «Preghiamo, digiuniamo e facciamo penitenza per coloro che rimangono ciechi davanti al male dell’aborto, così che anche loro possono scoprire la bellezza della vita, l’amore di Gesù Cristo e trovare un nuovo modo di guidare la società. Speriamo che riconoscano che l’aborto non è necessario per il fiorire di una società. Se siamo veramente preoccupati per questo problema, dimostriamolo nel nostro amore e cura attraverso la preghiera, il digiuno e la penitenza per la fine dell’aborto e la gioiosa conversione di tutti coloro che attualmente lo sostengono nella vita pubblica».


Dio è Verità, Bontà e bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "«Un politico cattolico che sostiene l’aborto deve pentirsi per fare la comunione»"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*