La “Via Pulchritudinis” …con Berthe Morisot

Noi de Il Cammino dei Tre Sentieri siamo convinti che è importante ribadire che Dio è Somma Verità, Somma Bontà e Somma Bellezza. Che la Verità Cattolica non solo è “vera” ma è anche “bella”, che essa non solo soddisfa pienamente l’intelligenza con la sua inappuntabile logica, ma anche il cuore con il suo costitutivo e irresistibile fascino. Ed ecco perché le nostre meditazioni devono muovere anche dalla contemplazione della Bellezza, utilizzando quella che si è soliti definire la “Via Pulchritudinis”… appunto: la “Via della Bellezza”, che è il Terzo Sentiero de “Il Cammino dei Tre Sentieri”

L’OPERA

La culla (1872)di Berthe Morisot (1841-1895) – Museo d’Orsay di Parigi

Una mamma guarda amorosamente e con attenzione il suo piccolo che dorme serenamente nella culla.

Quella della donna è un’attenzione naturale, spontanea… la solita che hanno tutte le mamme? Oppure è accaduto qualcosa per cui è giusto che ci sia attenzione? Forse, chissà, il bimbo avrà avuto la febbre e adesso gli si è accanto perché tutto vada nel suo giusto e auspicabile decorso.

Ci sono due cose che colpiscono.

La prima è la delicatezza dei colori; la seconda il velo trasparente che copre la culla.

I colori sono dolci e delicati perché tutto è contrassegnato dalla dolcezza e dalla delicatezza. Meglio: dalla tenerezza. La mamma che contempla il suo figliuolo è l’unione della gratitudine e del dovere. La gratitudine per ciò che di meraviglioso si è ricevuto e il dovere di proteggere, accudire, custodire quel dono. E tutto questo è la tenerezza. Questo sentimento, infatti, implica un riconoscimento che c’è qualcosa di grande, di bello e di caro dinanzi a sé; e che, proprio perché è caro, esso va custodito e protetto con cura. Nella cura c’è il dovere. Il dovere di proteggere, di non fare andar via, di far sì che non si dissolva nel male la bellezza che si è ricevuta.

Ma da contorno a questa tenerezza esplode il protagonismo di un velo, cioè una stoffa leggera, fragilissima, ma che sa adempiere a due compiti essenziali: proteggere le delicate carni di un bimbo dalle punture di insetti fastidiosi, e nello stesso tempo non nascondere, ma mostrare, la dolcezza di un viso che si sta affacciando alla vita.

Tutto questo è la Provvidenza di Dio. Essa protegge, ma non nasconde o mortifica la libertà dell’uomo. Essa protegge dolcemente e avvolge tutto con la più delicata tenerezza.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri 


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "La “Via Pulchritudinis” …con Berthe Morisot"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*