Via Pulchritudinis con Wilheim Hammershoi

Interno con ragazza (101) di Wilheim Hammershoi (1864-1016)

Sulla tavola ci sono due piatti. Manca ancora molto perché sia apparecchiata, ma certamente saranno in due a doversi sedere.

La ragazza sta suonando per attendere o per accogliere degnamente chi dovrà venire? E se fosse per tutte e due?

D’altronde l’attesa e l’accoglienza sono logicamente unite.

Si attende non il nulla, ma sempre e comunque qualcosa o qualcuno.

Un’attesa che non attenda è solo una follia.

Un’attesa che non attenda è solo nel potere dell’irrazionale e del caos.

La ragazza che sta suonando, diligentemente preme i tasti secondo l’ordine della melodia. La stanza stessa è arredata con gusto e due quadri si affiancano con precisa simmetria.

Non c’è posto per il disordine.

Non c’è posto per il caos.

Non c’è posto per un’attesa del nulla!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Via Pulchritudinis con Wilheim Hammershoi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*