Via Pulchritudinis n.17

L’OPERA

“I quattro evangelisti” di Jacob Jordaens (1593-1678)

Conservata al Louvre di Parigi

Il dipinto ritrae i quattro evangelisti.

Una luce intensa illumina i volti dei protagonisti. Volti vissuti, sofferti, passati negli anni… tranne quello di Giovanni che si conserva ancora giovane.

I quattro sono tutti rivolti verso un grande libro che certamente è la Bibbia. Il loro sguardo è affamato di conferme. Conferme su come già l’Antico Testamento aveva profetizzato la vita di Cristo, Colui che aveva totalmente cambiato le loro vite.

L’artista vuol dunque far capire che ciò che è scritto nei Vangeli è un fatto non un mito; ma un fatto pensato e voluto dall’inizio dei tempi.

E immaginiamo cosa sarà passato nella mente di quegli uomini, cosa avranno provato nel riflettere di essere stati testimoni dell’Avvenimento centrale di tutta la Storia. Ma non solo di tutta la Storia terrena, anche di quella dell’universo intero!

Ed ecco perché Giovanni, dopo aver guardato, chiude gli occhi e intensamente medita sulla straordinaria meraviglia che ha toccato le loro vite.

Ma l’atteggiamento del giovane apostolo non è solo per questo. I vangeli di Matteo, Marco e Luca furono scritti per coloro che ancora non erano cristiani. Quello di Giovanni, invece, venne scritto per coloro che già erano cristiani e per far capire loro più profondamente il Mistero.

Giovanni approfondisce, guarda lontano: è l’aquila!

Giovanni custodisce e conserva nel suo cuore.

Intanto uno dei quattro con una mano rivolta verso l’alto sembra reggersi a qualcosa. Ma a cosa? Alla parete? Non sembra. Alla tenda? Non ci si regge su una tenda. Sembra piuttosto reggersi al Cielo. Quasi a far capire che la storia che stavano leggendo, e di cui avrebbero scritto, è storia che accade sì sulla terra… ma è del Cielo!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Via Pulchritudinis n.17"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*