“Vietato Lamentarsi”: se si risolvessero così i problemi…

Il sito vaticaninsider riporta la notizia che il Santo Padre ha affisso alla porta della sua stanza in Santa Marta un cartello regalatogli dallo psicologo, dottor Salvo Noè.

La nostra brevissima riflessione non riguarda la scelta del Papa (sulle pareti si affiggono tante cose), quanto quella del sito nel voler dare la notizia. Un sito (vaticaninsider) che si colloca pienamente all’interno della categoria dei “cattolici normalisti”, quelli cioè del tutto va bene e che le fette di prosciutto, invece di mangiarle, se le mettono dinanzi agli occhi per non vedere.

Invitiamo chi dirige questo sito prima di tutto a fare una considerazione. Una frase come quella che si legge nel cartello: “Per diventare il meglio di sé bisogna concentrarsi sulle proprie potenzialità e non sui propri limiti” non è proprio il massimo della convinzione cristiana, dal momento che l’uomo i problemi non li risolve da solo, ma sempre con l’aiuto di Dio, aiuto che non è un optional ma una necessità. Non a caso Gesù ha detto: “Chi non raccoglie con me, disperde...” (Luca 11)

Fa specie che Andrea Tornielli (direttore del sito), di provenienza ciellina, possa sposare l’idea che l’uomo debba rifiutare i propri limiti. Ci sembra che don Giussani dicesse il contrario: che bisognasse appassionarsi ai propri limiti, per trovarne la soluzione nell’appartenenza a Dio… ma lasciamo perdere.

Ma poi -ed è questa la sostanza di ciò che vogliamo dire- che significa “Non lamentarsi”? Basta questo per risolvere i problemi. Se fosse così, staremmo a cavallo!

Viene da pensare a ciò che diceva il buon Flaiano: “la situazione è grave… ma non è seria!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "“Vietato Lamentarsi”: se si risolvessero così i problemi…"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*