APOLOGETICA LEGGENDO…Boris Pasternak

Tra gli strumenti di un cammino vi è la bisaccia, una borsa con cui poter portare il piccolo necessario; non certo il pasto che i pellegrini chiedevano e chiedono agli ostelli, ma qualche semplice e piccolo boccone per sostenere il passo.
Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Bisaccia”  è un insegnamento della sapienza naturale con cui poter sostenere il passo dell’esistenza e confermare la scelta della bellezza della Verità cattolica. 


L’arte è realistica come l’attività, e simbolica come il fatto

(Boris Pasternak – Il salvacondotto)

In queste poche parole lo scrittore russo dice due verità.

La prima: la vita dell’uomo è reale.

La seconda: i fatti hanno una valenza simbolica.

Soprattutto Pasternak fa capire come queste due evidenze non siano in contraddizione, anzi.

Cosa vuol dire che la vita dell’uomo è reale? Che la realtà non è un concetto astratto, ma è nella vita; così parimenti la vita non è qualcosa di indefinibile, bensì è realisticamente oggettiva. Vivere significa rapportarsi non ad astratte idee, ma alla realtà concreta delle cose.

E cosa vuol dire che i fatti hanno una valenza simbolica? Il simbolo non nega il reale, ma rimanda ad un significato più grande. Il simbolo rimanda al Mistero.

Ecco, le parole di Pasternak significano questo: Vita e Fatti sono fondati sul Mistero…

…aggiungiamo noi: sul Mistero di Dio!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI

Be the first to comment on "APOLOGETICA LEGGENDO…Boris Pasternak"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*