Per quale motivo le case di una volta erano più accoglienti?

di Ermanno Landi (Il Segno della carne, Firenze 1959, pp.123-124)

Non hai notato che le case degli operai sono le meno originali e sono più uguali tra loro che non le case di altri ceti sociali?

Non mi dire che ciò dipende solo dal fatto che son case più povere e quasi sempre costruite dallo Stato e troppo subordinate ad esigenze d’ordine economico!

No, non è solo per questo.

Potrei dirti infatti che tante povere capanne arrangiate alla meglio rivelano maggiormente la personalità di chi le abita e sono senz’ombra di dubbio più accoglienti, anche se ci fa freddo e ci piove. Sai qual é il loro più intimo segreto? Di solito nella povera capanna c’è la donna che attende il marito, e la cura personalmente.

Di solito quelle capanne sono state costruite da poveri uomini per amore della donna che volevano a vivere con loro sotto il proprio tetto, mentre le linde case degli operai moderni son costruite per rispondere a dure necessità di crisi di alloggio.

Di solito son case troppo vuote, perché durante il giorno tutti vanno a lavorare.

Se da un lato dunque esiste una crisi di alloggi di natura tutta economica, dall’altra esiste una vera crisi d’amore che nella donna è anche crisi di grazia.

Oggi il vero spirito creativo dell’uomo ha bisogno dunque dell’aiuto della donna; ma aiuto non significa che la donna debba sostituirlo, anzi, significa che la donna deve guardare all’uomo per ritrovare, a suo fianco, il posto che le è proprio.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Per quale motivo le case di una volta erano più accoglienti?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*