BISACCIA: “Un atleta in corsa è una scultura in movimento” (Edwin Moses)

Rubrica a cura di Corrado Gnerre


Tra gli strumenti di un cammino vi è la bisaccia, una borsa con cui poter portare il piccolo necessario; non certo il pasto che i pellegrini chiedevano e chiedono agli ostelli, ma qualche semplice e piccolo boccone per sostenere il passo. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Bisaccia”  è un insegnamento della sapienza naturale con cui poter sostenere il passo dell’esistenza e confermare la scelta della bellezza della Verità Cattolica. 


“Un atleta in corsa è una scultura in movimento.”

(Edwin Moses)

Edward Moses è un ex-atleta di corsa ad ostacoli. E’ stato campione olimpico nei giochi di Montreal del 1976 e di Los Angeles del 1984.

La corsa è un divenire che non muta la sostanza delle cose. Infatti, la corsa è diversa rispetto al divenire puro.

Il divenire dissolve.

Il divenire modifica.

Il divenire trasforma.

Un atleta che corre non è tutto questo. Cambia posizione, cambia espressione, ma rimane se stesso. Anzi, è proprio ciò che rimane stabile nella sua mente (il desiderio di vincere) a far sì che i suoi muscoli sprigionino energia.

E’ vero: l’atleta che corre è come una scultura in movimento.

Di un movimento vero.

Perché il movimento vero non è dissoluzione o distruzione, ma ri-offerta di ciò che deve rimanere perennemente stabile e immutabile.

La scultura, anche se in movimento, rimane sempre quella.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI

Be the first to comment on "BISACCIA: “Un atleta in corsa è una scultura in movimento” (Edwin Moses)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*