La pia pratica dei Cento Requiem. Come le anime del Purgatorio possono venire in nostro soccorso

La beata Anna Maria Taigi (1769-1837) era devotissima delle anime del Purgatorio. Nella sua pietà amava suffragare le anime sante con la recita di cento Requiem.

Ella testimonia di avere ottenuto da Dio  molti celesti favori nelle circostanze più diverse e nei bisogni più gravi spirituali e temporali.

Dietro l’esempio della Beata, sposa esemplare e madre di sette figli, le anime devote possono seguire il suo esempio e pregare per le anime del Purgatorio come lei pregava.

Per questo pio esercizio ognuno può servirsi di una corona comune di cinque poste o decine da percorrerla tutta in due volte.

Si comincia con il recitare un Pater, seguìto sui grani piccoli dalla invocazione del Requiem.

Dopo le dieci invocazioni si dirà al grano grosso la giaculatoria: Anime sante del Purgatorio, pregate per me, ch’io pregherò per voi, perché Dio vi doni la gloria del Paradiso.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "La pia pratica dei Cento Requiem. Come le anime del Purgatorio possono venire in nostro soccorso"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*