In poche battute ti offriamo qual è la verità cattolica sulle unioni civili per capire la gravità di ciò che ha detto il Papa

di Corrado Gnerre

In merito alle parole di papa Francesco sulle “unioni civili”, parole che hanno fatto il giro del mondo e che -ci addolora dirlo- destano palesemente scandalo, vogliamo offrirvi un piccolo vademecum per avere un giudizio sanamente cattolico su questa questione. Lo stile è schematico e sintetico per aiutare la lettura e il singolo apostolato.

Cosa sono le unioni civili

Per “unioni civili” s’intendono quelle unioni, riconosciute giuridicamente come diritto comune, tra persone non sposate, anche dello stesso sesso.

Le unioni civili non sono famiglia

La Chiesa ha sempre affermato che la famiglia nasce dall’unione indissolubile fra un uomo ed una donna.

Ciò, ancor prima di diritto soprannaturale, è già di diritto naturale.

Pertanto, tale verità non può essere negata da nessuna autorità né politica né tantomeno religiosa. Insomma, neppure un papa può negarla.

Dal momento che il diritto positivo non può entrare in contraddizione con quello naturale, nessuna autorità politica è legittimata a legiferare in favore delle unioni civili.

La famiglia non è un diritto

Non esiste un “diritto alla famiglia”.

Questa, la famiglia, deve perseguire il suo fine naturale e anche soprannaturale.

Solo una concezione libertaria ed individualista può concepire, come un diritto, la famiglia per tutti e quindi anche la trasformazione di un’unione omosessuale in famiglia.

Il matrimonio tra uomo e donna deve essere riconosciuto, le unioni civili no

Giuridicamente viene riconosciuto l’istituto matrimoniale perché esso comporta una serie di impegni. Per esempio: quello di far nascere nuovi uomini e di educarli affinché siano bravi ed onesti cittadini.

Non è così per le unioni civili.

Le unioni civili tra uomo e donna, infatti, non offrono ai figli intenzionalmente la volontà di creare un nucleo affettivo stabile.

A maggior ragione per quanto riguarda le unioni civili tra coppie di omosessuali, dove già per natura è impossibile mettere al mondo nuove vite.

Inoltre, se un’autorità politica riconoscesse le unioni civili, a maggior ragione quelle omosessuali, riconoscerebbe implicitamente che queste relazioni “affettive” sarebbero conformi al bene comune. E ciò è inaccettabile per la morale sociale naturale e cattolica.

Riconoscere le unioni civili aprirebbe la strada all’accettazione di altri pseudo-diritti

Una volta che si ammette il principio che si debba riconoscere l’unione tra due omosessuali, non ci sarebbero più limiti ad altre aberrazioni.

Primo: non si potrebbero evitare le adozioni di figli. Infatti, se un’unione omosessuale ha il diritto di essere riconosciuta, perché non dovrebbe avere anche il diritto di adottare come tutte le coppie?

Secondo: non si potrebbero evitare le gravidanze surrogate (utero in affitto), almeno per quegli Stati dove tale possibilità è riconosciuta.

Terzo: non si potrebbero in futuro evitare anche riconoscimenti di unioni di poliamore (poligamia, poliandria, ecc…) perché, se deve saltare il dato di natura per l’affermazione dei diritti, allora non si capirebbe perché non debba saltare anche il dato naturale secondo cui deve essere una coppia il fondamento dell’amore coniugale.

Un conto sono i diritti individuali, altro quelli comuni

Se proprio la preoccupazione è quella di evitare che le persone omosessuali siano privati di alcuni diritti fondamentali, va ricordato che il riconoscimento di diritti comuni non è necessario perché vengano riconosciuti diritti individuali.

La condanna magisteriale delle unioni civili

La Congregazione per la Dottrina della Fede nel 2003 pubblicò un documento, approvato da Giovanni Paolo II, dal titolo Considerazioni circa i progetti di riconoscimento legale delle unioni tra persone omosessuali.

Eccone un estratto:

«In presenza del riconoscimento legale delle unioni omosessuali […] è doveroso opporsi in forma chiara e incisiva. Ci si deve astenere da qualsiasi tipo di cooperazione formale alla promulgazione o all’applicazione di leggi così gravemente ingiuste nonché, per quanto è possibile, dalla cooperazione materiale sul piano applicativo. [5] Le legislazioni favorevoli alle unioni omosessuali sono contrarie alla retta ragione perché conferiscono garanzie giuridiche, analoghe a quelle dell’istituzione matrimoniale, all’unione tra due persone dello stesso sesso. Considerando i valori in gioco, lo Stato non potrebbe legalizzare queste unioni senza venire meno al dovere di promuovere e tutelare un’istituzione essenziale per il bene comune qual è il matrimonio. […] Occorre riflettere innanzitutto sulla differenza esistente tra il comportamento omosessuale come fenomeno privato, e lo stesso comportamento quale relazione sociale legalmente prevista e approvata, fino a diventare una delle istituzioni dell’ordinamento giuridico. Il secondo fenomeno non solo è più grave, ma acquista una portata assai più vasta e profonda, e finirebbe per comportare modificazioni dell’intera organizzazione sociale che risulterebbero contrarie al bene comune. […] La legalizzazione delle unioni omosessuali sarebbe destinata perciò a causare l’oscuramento della percezione di alcuni valori morali fondamentali e la svalutazione dell’istituzione matrimoniale. (…). Concedere il suffragio del proprio voto ad un testo legislativo così nocivo per il bene comune della società è un atto gravemente immorale. La Chiesa insegna che il rispetto verso le persone omosessuali non può portare in nessun modo all’approvazione del comportamento omosessuale oppure al riconoscimento legale delle unioni omosessuali. […] Riconoscere legalmente le unioni omosessuali oppure equipararle al matrimonio, significherebbe non soltanto approvare un comportamento deviante, con la conseguenza di renderlo un modello nella società attuale, ma anche offuscare valori fondamentali che appartengono al patrimonio comune dell’umanità».

E’ un dovere prendere opporsi alla dichiarazione di Papa Francesco… né sentirsi in imbarazzo per questo

Come è stato già scritto da qualcuno, non deve suscitare imbarazzo prendere le distanze dalla recente dichiarazione di papa Francesco. E’ piuttosto papa Francesco che deve -ahinoi- sentirsi in imbarazzo per essersi allontanato così chiaramente dall’insegnamento dei suoi predecessori.

Anzi, è doveroso ribadire la verità sull’unicità della famiglia. Costi quel costi. Ne va in gioco la salvezza delle altrui anime e anche della nostra.

Il Cammino dei Tre Sentieri rifugge da qualsiasi deriva sedevacantista, secondo cui la sede di Pietro sia vacante. Ma anche da qualsiasi deriva “benedettista”, secondo cui il papa legittimo continuerebbe ad essere il dimissionario Benedetto XVI; posizione, questa, che conduce ad una palese ed ingenua contraddizione, ovvero quella di essere in comunione con Benedetto XVI quando questi si sente in comunione con papa Francesco.

Come C3S abbiamo sempre pregato per papa Francesco.

Continueremo a farlo, oggi più di ieri, perché tali dichiarazioni del Papa, infatti, costituendo un chiaro scandalo ed essendo in evidente contraddizione con il munus petrino, mettono a serio rischio la salvezza della sua anima.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri 


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

3 Comments on "In poche battute ti offriamo qual è la verità cattolica sulle unioni civili per capire la gravità di ciò che ha detto il Papa"

  1. Il Cammino dei Tre Sentieri rifugge da qualsiasi deriva sedevacantista, secondo cui la sede di Pietro sia vacante. Ma anche da qualsiasi deriva “benedettista”, secondo cui il papa legittimo continuerebbe ad essere il dimissionario Benedetto XVI; posizione, questa, che conduce ad una palese ed ingenua contraddizione, ovvero quella di essere in comunione con Benedetto XVI quando questi si sente in comunione con papa Francesco.

    Fa riflettere tantissimo.
    Grazie e santa domenica e Ave Maria.

  2. È anche la nostra idea.
    Ciò non può comunque non turbarci profondamente.

  3. Ma quando Benedetto XVI è stato in accordo con Bergoglio!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*