16 maggio 1532: San Tommaso Moro si dimette dalla carica di Cancelliere… proprio la stessa “coerenza” di molti nostri politici “cristiani”

Che fine hanno fatto i sedicenti politici “cristiani” che -per esempio- non si opposero, anzi sostennero, la legge sulle cosiddette unioni civili? Che fine hanno fatto i vari Alfano, Lupi, Formigoni, Lorenzin, ecc.?

E’ vero che il loro retroterra culturale spiega, eccome!.. dal momento che la cultura democristiana teorizza di fatto la separazione tra le proprie convinzioni e quella che in malo modo e inopportunamente viene definita come “laicità della politica”. Ed è vero inoltre che tale cultura democristiana fa del compromesso e della moderazione le chiavi dell’agire politico. (clicca qui).

Ma -appunto- costoro di cui sopra che fine hanno fatto? La Provvidenza, da questo punto di vista, servendosi della Storia, dà lezioni significative… molto significative.

Ebbene, tutto questo ci viene in mente, riflettendo su come invece decise di comportarsi san Tommaso Moro (1748-1535), il quale accettò il martirio pur di anteporre i diritti di Dio a quelli del potere. Non solo non pensò alla sua carriera (era Cancelliere d’Inghilterra e vi rinunciò), ma decise di essere accusato di tradimento e quindi di morire pur di non seguire il re Enrico VIII nello scisma da Roma.

Ecco alcune sue parole indirizzate alla figlia e scritte poco prima di morire: .

Dubitare di Lui [Dio] io non posso e non voglio, sebbene mi senta tanto debole. E quand’anche io dovessi sentire paura al punto da esser sopraffatto, allora mi ricorderei di san Pietro, che per la sua poca fede cominciò ad affondare nel lago al primo colpo di vento, farei come fece lui, invocherei cioè Cristo e lo pregherei di aiutarmi. Senza dubbio allora Egli mi porgerebbe la sua santa mano per impedirmi di annegare nel mare tempestoso. Chiedo di pregare per me. Testimoniate che sono morto nella fede e per la fede della santa chiesa cattolica. Muoio fedele servo del re, ma prima servo di Dio. 

Ben altro spessore!

Ben altro coraggio!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI

1 Comment on "16 maggio 1532: San Tommaso Moro si dimette dalla carica di Cancelliere… proprio la stessa “coerenza” di molti nostri politici “cristiani”"

  1. Sardonicamente | 15 Maggio 2022 at 8:19 | Rispondi

    Cotesta foto costì suso fa che la mia memoria, potenzia dell’anima mia tapinella, turbi questa con da dovero rustichi e sozzi ricordi…

    (Be’, non esageriamo, ma più opportunamente diciamo: con ricordi spiacevoli quanto l’imagine di cosa che offenda in particolare il senso dell’odorato, e che Natura vuole ch’uom mandi fuora per le sue parti da basso)

Leave a comment

Your email address will not be published.


*