MESSA DEL GIORNO (con meditazione) – Feria tra l’Ottava dell’Ultima Domenica dopo pentecoste

Rubrica a cura di Corrado Gnerre


Introito

(Geremia 29,11; 29,12, 29,14)

Dice il Signore: Io ho pensieri di pace e non di afflizione. Mi invocherete e io vi esaudirò. Vi ricondurrò da tutti i luoghi in cui siete stati condotti.

(Salmo 84,2)

Hai benedetta la tua terra, o Signore. Hai distrutta la schiavitù di Giacobbe.


Epistola

(Colossesi 1,9-14)

Fratelli, non cessiamo di pregare per voi e di chiedere che siate ripieni della conoscenza della volontà di Dio, con ogni sorta di sapienza e di intelligenza spirituale, affinché vi riportiate in maniera degna di Dio, da piacere a lui in tutte le azioni, producendo frutti in ogni opera, e crescendo nella conoscenza di Dio, corroborati in ogni virtù, mediante la gloriosa potenza di lui, nella perfetta pazienza, nella longanimità piena di gioia; ringraziando Dio Padre, il quale ci ha fatti degni di partecipare alla sorte dei santi nella luce, e, liberandoci dall’impero delle tenebre, ci ha trasportati nel regno del suo diletto Figliolo, nel quale, mediante redenzione, avremo la remissione.


Graduale

(Salmo 43,8-9)

Ci liberasti da coloro che ci affliggevano, o Signore, e confondesti quelli che ci odiavano. In Dio ci glorieremo tutto il giorno e celebreremo il suo nome in eterno. Alleluia, alleluia.

(Salmo 129,1-2)

Dal profondo Ti invoco, o Signore. O Signore, esaudisci la mia preghiera. Alleluia.


Vangelo

(Matteo 24,15-35)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: Quando vedrete l’abominazione della desolazione predetta dal profeta Daniele, posta nel luogo santo –chi legge vi ponga mente– allora chi sarà in Giudea fugga ai monti, chi sulla terrazza non discenda a prendere qualche cosa in casa sua, e chi è nel campo non torni a prendersi la veste. E guai alle donne gravide e allattanti in quei giorni. Pregate che la vostra fuga non debba venir d’inverno o di sabato; perché allora la tribolazione sarà grande, quale non fu dal principio del mondo fino ad ora, ne mai sarà. E se non fossero abbreviati quei giorni, non scamperebbe anima viva; ma saranno accorciati in grazia degli eletti. Allora se uno vi dirà: ecco qui, ecco là il Cristo, non date retta: perché sorgeranno dei falsi Cristi e dei falsi profeti che faranno miracoli grandi e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti. Ecco, ve l’ho predetto. Se adunque vi diranno: Ecco, è nel deserto, non v’andate: ecco, è dentro in casa, non date retta; perché come il lampo esce da levante e guizza fino a ponente, così pure sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Dovunque sarà il corpo, quivi si raduneranno le aquile. Or subito, dopo la tribolazione di quei giorni, s’oscurerà il sole, la luna non darà più la sua luce, e cadranno le stelle dal cielo, e le potenze dei cieli tremeranno. Allora comparirà nel cielo il segno del Figlio dell’uomo, e piangeranno tutte le nazioni della terra; e vedranno il Figlio dell’uomo venir sulle nubi del cielo con gran potenza e gloria. E manderà i suoi Angeli che a gran voce di tromba raduneranno i suoi eletti dai quattro venti, da una estremità all’altra dei cieli. Dal fico imparate la similitudine. Quando il suo ramo si fa tenero e mette le foglie, sapete vicina l’estate. Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che egli è alle porte. In verità vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto ciò avvenga. Il cielo e la terra passeranno; ma le mie parole non passeranno.


Meditazione

  1. Allora se uno vi dirà: ecco qui, ecco là il Cristo, non date retta…dice Gesù nel Vangelo.
  2. Dunque, bisogna stare molto attenti a seguire le “voci”.
  3. L’unica bussola del cristiano deve essere ciò che è nella Parola di Dio, mediata e trasmessa unicamente dalla vera Chiesa di Cristo, che è quella Cattolica.
  4. Le profezie possono aver valore e non vanno disprezzate, ma sempre nell’ambito della Chiesa, che proprio da Cristo ha avuto l’autorità di insegnare e custodire.
  5. La Chiesa nella sua interezza storica, secondo l’insegnamento di sempre, non di un particolare tempo.

Alla Regina dello Splendore

  1. Madre, fai che non segua nessun falso insegnamento.
  2. Rendimi fedele alla Vera Chiesa di cui sei Madre.
  3. Ancorami all’unica Parola, che è quella del tuo Divin Figlio.
  4. Regina dello Splendore, guidami nel cammino della vita.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI

Be the first to comment on "MESSA DEL GIORNO (con meditazione) – Feria tra l’Ottava dell’Ultima Domenica dopo pentecoste"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*