Ti raccontiamo un fatto vero che dimostra come ogni Messa ha un valore infinito

Ogni Messa, indipendentemente dove è detta e indipendentemente dalla santità del sacerdote, ha sempre un valore infinito. Vi spieghiamo perché.

Mentre ogni preghiera –pur importante– ha un valore finito, perché è l’uomo che prega Dio e si offre a Lui, la Messa ha sempre un valore infinito perché è Dio stesso che si offre al Padre. Dunque se è Dio che si offre nella Messa, questa ha un valore infinito perché Dio ha un valore infinito.

Facciamo un esempio. Prendiamo una bilancia, quella antica, con i classici due piatti. Su un piatto mettiamo tutte le preghiere di questo mondo e sull’altro una sola Messa. Ebbene, la bilancia penderebbe dalla parte della sola Messa. Più azioni finite formano una realtà finita, l’infinito rimane invece sempre infinito. Se queste cose si capissero la gente correrebbe continuamente per partecipare alla Messa. San Pio da Pietrelcina (1887-1968) soleva dire: “Se la gente sapesse cosa è la Messa, dinanzi alle chiese occorrerebbero i carabinieri per governare le folle.” E il Santo Cappuccino diceva ancora: “E’ più facile che il mondo si regga senza il sole, piuttosto che senza la Messa.”

Un giorno di molti anni fa, in un piccolo villaggio del Lussemburgo, un capitano della Guardia Forestale stava conversando con il macellaio quando arrivò un’anziana signora. Il macellaio chiese all’anziana signora: “Cosa vi servo, signora?” La donna rispose: “Un pezzetto di carne, ma non ho soldi per pagare.” Il capitano che era lì presente sorrise visibilmente pensando alla stranezza della richiesta. Il macellaio ribatté: “Solo un pezzetto di carne, ma come contraccambiate?”. L’anziana signora disse allora al macellaio: “Mi dispiace di non avere soldi, ma in cambio vi prometto di assistere quest’oggi alla Messa per voi”. Siccome il macellaio e il capitano erano molto scettici nei confronti della religione, cominciarono a ridere. “Molto bene -disse il macellaio-  Andate pure a Messa per me, e ritornate, vi darò l’equivalente del valore della Messa”. La donna in quel giorno assistette alla Messa e poi ritornò dal negoziante. Ella si avvicinò alla cassa e il macellaio le disse: “Prendete questa carta e scrivete…” E la donna scrisse: “Ho offerto la Messa per te”. Il macellaio pose la carta su un piatto della bilancia e sull’altra parte un misero osso…  la carta era più pesante. In seguito mise un pezzetto di carne al posto dell’osso, ma la carta era sempre più pesante… I due uomini cominciarono a meravigliarsi ma non demorsero. Fu posto un grosso pezzo di carne sulla bilancia, ma la carta era sempre più pesante. Inquieto e turbato, il macellaio esaminò la bilancia, ma questa funzionava benissimo. “Cosa vuole signora…?  Dovrei darle un’intera coscia di pecora?”. Egli pose la coscia di pecora sulla bilancia, ma la carta era sempre più pesante.  Mise un pezzo di carne ancora più grosso, ma il peso rimaneva sempre dalla parte della carta. Ciò impressionò talmente il macellaio che questi promise alla donna di darle la carne ogni giorno in cambio di una preghiera offerta per lui durante la Messa. Egli poi si convertì. Il capitano se ne andò anche lui molto scosso e andò a Messa ogni giorno. Due dei suoi figli divennero sacerdoti, uno Gesuita e l’altro fu sacerdote del Sacro Cuore, era il famoso Padre Stanislao, grande apostolo del Sacro Cuore. Egli poi ha raccontato: “Sono un religioso del Sacro Cuore e il capitano era mio padre. Dopo questa dimostrazione, mio padre divenne un grande fervente della Messa quotidiana, e noi, suoi figli, abbiamo seguito il suo esempio. Andate a Messa ogni giorno se potete, otterrete tutto e vi trasformerete.”

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

Share on:

3 Comments on "Ti raccontiamo un fatto vero che dimostra come ogni Messa ha un valore infinito"

  1. Nicolini Romano | 29 dicembre 2017 at 20:41 | Rispondi

    Apprezzo ed elogio gli intenti dei confratelli sacerdoti che svolgono in chiesa una cena o una lotteria per i poveri: Cristo ci chiede se gli abbiamo dato da mangiare. La intenzione è chiaramente sincera. Mi permetto però dire che la stessa cosa, con maggiore precisione, si potrebbe fare , per esempio, in un locale diverso dalla chiesa, non dentro. Lì dentro noi abbiamo un tesoro inestimabile che ha valore anche quando i poveri non ci saranno più e la guerre cesseranno: Cristo. Buon anno! –

  2. Bellissimo racconto. Grazie.

    @Nicolini. Esattamente, per questo è un luogo in cui tutto è dedicato a Dio,un luogo dove noi rinunciamo ad usare i calici che sono solo per Lui! Per questo in Chiesa non si balla, non si fa teatro o canto e neanche la si trasforma in ristorante.

  3. Le chiese devono restare templi di Dio, non saloni di ricreazione,in questo modo si perde la fede.
    Oggi si trova il tempo per fare tutto ma non trenta minuti per la S.Messa.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*