SOSTA: Il cuore dei santi è “liquido”, quello degli eroi pagani è “solido”

da “Lettera aperta a Gesù Cristo” di R.L.Bruckberger, Roma 1974


Nell’eroismo stoico, l’uomo si accentra in sé, è innamorato della sua propria immagine, “scolpisce la sua statua”, passa da un irrigidimento a un altro, da un’astrazione all’altra, per sfociare se va fino in fondo alla sua lucidità, nella più nera disperazione, nonché alla frantumazione di se stesso. (…) I Santi ci mostrano qual è il vostro (l’autore si riferisce a Gesù Cristo) eroismo. Oh! certo sono lucidissimi, anche loro sanno quel che c’è nell’uomo e come egli tenta di sfuggire alla vostra grazia, come la selvaggina atterrita cerca di sfuggire al cacciatore. Ma come sfuggirvi indefinitivamente? Il santo è preda della carità infinitamente più di quanto il crudele lo sia della crudeltà, scrive Péguy. E tuttavia, pervenuto alla sua maturità, umana e divina ad un tempo, il santo serba una tenerezza e un immaginazione d’amore tanto estese e agili che sono come l’alta mare, ricoprono tutto. “il cuore dei santi è liquido”, diceva il curato d’Ars.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI

Be the first to comment on "SOSTA: Il cuore dei santi è “liquido”, quello degli eroi pagani è “solido”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*