La “via pulchritudinis” con Carl Spitzweg

Noi de Il Cammino dei Tre Sentieri siamo convinti che sia importante ribadire che Dio è Somma Verità, Somma Bontà e Somma Bellezza. Che la Verità Cattolica non solo è “vera” ma è anche “bella”, che non solo soddisfa pienamente l’intelligenza con la sua inappuntabile logica, ma anche il cuore con il suo costitutivo e irresistibile fascino. Ed ecco perché le nostre meditazioni devono muovere anche dalla contemplazione della Bellezza, utilizzando quella che si è soliti definire la “Via Pulchritudinis”… appunto: la “Via della Bellezza”, che è il Terzo Sentiero de “Il Cammino dei Tre Sentieri”

Carl Spitzweg (1808-1885), The bookworm (1850)

Che cos’è un’illusione?

E’ quando si crede che il proprio pensiero, il proprio desiderio, la propria ambizione, abbiano la possibilità non solo di realizzarsi, ma anche di costituire una soluzione per il vivere.

Molto spesso l’illusione si organizza e si esprime in una ricerca. Da qui la sua “naturalità”, cioè la sua spontaneità, perché l’uomo per sua natura è fatto per ricercare e incontrare.

Ma c’è ricerca e ricerca.

C’è incontro e incontro.

Si può cercare la soluzione nel basso e si può cercare d’incontrare qualcosa d’importante negli altri. Ma poi si rimane delusi; e l’illusione naufraga.

L’uomo qui rappresentato è un accanito e avido lettore.

E’ tutto preso da ciò che sta leggendo.

E non gli basta leggere, ha voluto afferrare. Malgrado sia in un equilibrio precario, riesce a tenere con l’intero suo corpo ben quattro grossi libri. Non se li vuole far scappare.

Ma come sta leggendo? Grazie alla luce.

Una forte luce, infatti, sta illuminando lo scritto e gli scaffali che gli sono dinanzi. Quegli scaffali che quell’uomo illusoriamente crede possano essere il suo unico spazio e il suo unico destino.

E se invece fosse proprio quella luce il suo vero spazio e il suo vero destino?

E se invece di ricercare nella terra, dovesse ricercare più in alto?

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "La “via pulchritudinis” con Carl Spitzweg"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*