BISACCIA – Con …Antoine Francois Prevost (1693-1763)

Rubrica a cura di Corrado Gnerre


Tra gli strumenti di un cammino vi è la bisaccia, una borsa con cui poter portare il piccolo necessario; non certo il pasto che i pellegrini chiedevano e chiedono agli ostelli, ma qualche semplice e piccolo boccone per sostenere il passo. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Bisaccia”  è un insegnamento della sapienza naturale, ripreso anche di chi non è cristiano, con cui poter sostenere il passo dell’esistenza e confermare la scelta della bellezza della Verità Cattolica. 


Il cuore di un padre è un capolavoro della natura – Antoine Francois Prévost (1693-1763)

Nel capolavoro tutto deve essere perfettamente equilibrato

Il cuore del padre infatti deve essere una sintesi di ragione e sentimento e anche di autorità e tenerezza.

Meglio: nella vocazione del padre il sentimento deve essere guidato dalla ragione e la tenerezza dall’autorità.

Se alla madre è dato poter derogare in alcuni momenti da tale giusta processione logica, al padre no.

Ecco perché il padre non può venire meno.

Una famiglia ed una società non possono esistere senza la colonna della paternità.

Sarebbe come pretendere che un fabbricato regga senza robuste fondamenta.

Per rimanere su questa immagine, possiamo fare riferimento al cemento armato.

Questo da una parte è robustissimo, dall’altra sa oscillare per ammortizzare le scosse telluriche e quindi evitare di spezzarsi.

Se si fa fuori la figura del padre (come si sta cercando di fare), tutto crolla.

Proprio come un fabbricato che invece di essere costruito con il cemento armato si volesse costruire con la sabbia.

Tutto si polverizzerebbe.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI

Be the first to comment on "BISACCIA – Con …Antoine Francois Prevost (1693-1763)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*