Come cìvincere le tentazioni di vanagloria? L’esempio di santa Margherita di Cortona

da Il Settimanale di padre Pio

Un giorno santa Margherita da Cortona ebbe delle forti tentazioni contro l’umiltà. Fu indotta a vedere le sue buone qualità, che fecero nascere nella sua mente un pensiero di vanagloria.

Infatti, si sentiva dire: “Margherita! Margherita! Chi è più celebre di te? In Cortona tutti ti venerano, tutti ti chiamano santa, tutti invocano il tuo nome ed ottengono grazie da Dio! Margherita! Vedi quanta gente, quanti uomini corrono da lontano a te e vogliono vederti e toccarti venerandoti come si fa con le reliquie di un santo? Margherita tu sei tanto santa che sei già predestinata alla gloria. Tu possiedi già sicuramente il Cielo!”

Mentre diceva queste e simile cose, il diavolo la spiava per vedere se stesse sorgendo in lei un qualche pensiero di compiacenza, ma la santa, inorridita di tante lodi, scoppiò in pianto. Poi, senza rispondere al maligno, cominciò ad enumerare uno ad uno tutti i suoi peccati, a voce alta, senza temere che altri la sentissero. Il demonio era vinto; con gran fracasso fuggì dalla cella e subito Gesù accostò a consolare la sua umile sposa.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Come cìvincere le tentazioni di vanagloria? L’esempio di santa Margherita di Cortona"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*