“Lettura” (Leopold Franz Kowalski)

Rubrica a cura di Corrado Gnerre


Noi de Il Cammino dei Tre Sentieri siamo convinti che sia importante ribadire che Dio è Somma Verità, Somma Bontà e Somma Bellezza. Che la Verità Cattolica non solo è “vera” ma è anche “bella”, che non solo soddisfa pienamente l’intelligenza con la sua inappuntabile logica, ma anche il cuore con il suo costitutivo e irresistibile fascino. Ed ecco perché le nostre meditazioni devono muovere anche dalla contemplazione della Bellezza, utilizzando quella che si è soliti definire la “Via Pulchritudinis”… appunto: la “Via della Bellezza”, che è il Terzo Sentiero de “Il Cammino dei Tre Sentieri”


Leopold Franz Kowalski (1856-1931), Lettura

Un sentiero accompagna il cammino lungo un piccolo ruscello.

Ma colei che lo percorre non lo sta guardando. E’ tutta presa da un’interessante lettura.

Interessante, perché il viso mostra il piacere di ciò che si sta apprendendo.

E come se la giovane donna sapesse che nulla potrà minacciarla, perché c’è il sentiero sotto i suoi piedi.

E’ vero che il corso d’acqua che scorre accanto potrebbe costituire un pericolo, ma basta che ella proceda sul sentiero, dritta.

Un filare di alberi incorniciano la scena e rendono maggiormente l’idea del cammino.

Procede la giovane donna.

Procede l’acqua del ruscello.

Si susseguono gli alberi.

La vita è un procedere. Un procedere dove il sentiero che si calpesta può essere non continuamente guardato; l’importante è che ci sia.

E anche quando le distrazioni, piacevoli o meno, si alternassero, l’importante è che ci sia il sentiero che salva e protegge da tutto.

Il sentiero che fa evitare di scivolare nell’acqua melmosa e che conduce al sapore della dolcezza dell’esistere, sapore simboleggiato dall’interessante lettura.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "“Lettura” (Leopold Franz Kowalski)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*