Perché nella Messa bisogna stare sotto la Croce insieme a Maria?

da fsspx.news

Il santo sacrificio della Messa è il rinnovamento incruento del sacrificio di Gesù Cristo sulla Croce. Ora, Dio voleva che Maria partecipasse al sacrificio del Calvario. Come corredentrice, offre quindi al Padre celeste lo stesso sacrificio di suo Figlio, rinunciando ai suoi diritti materni su di lui e unendo la sua volontà e le sue sofferenze con la volontà e le sofferenze di Cristo.

Il santo sacrificio della Messa ci consente di applicare alle nostre anime i meriti del sacrificio della Croce. Maria ha un ruolo molto speciale nella Santa Messa: essendo la mediatrice di tutte le grazie meritate al Calvario, applica questi meriti in modo speciale alle nostre anime.

Al Calvario, quindi, Maria ci genera alla vita divina. Questa maternità continua ad ogni Messa: ogni rinnovamento del sacrificio della Croce corrisponde a un rinnovamento e alla realizzazione della sua mediazione di grazie.

È quindi giusto e appropriato celebrare la Santa Messa stando sotto la croce con Maria, Madre dei Dolori, entrando spiritualmente nel suo Cuore addolorato, per introdurci con lei e in lei ai sentimenti del divino Crocifisso.

È per questa ragione che Maria viene citata costantemente durante la santa liturgia: nel Confiteor ci aiuta a pentirci più profondamente e ad ottenere la purezza del cuore. Nel Credo, confessiamo il suo ruolo decisivo nei misteri dell’Incarnazione e della Redenzione. Nella preghiera Suscipe sancta Trinitas, alla fine dell’Offertorio, percepiamo il santo sacrificio della Messa come atto supremo della sua glorificazione. Nel Communicantes prima della consacrazione, ci uniamo con essa per offrirci totalmente con il sacrificio di Cristo. Dopo il Pater, chiediamo l’intercessione affinché la Regina della Pace possa ottenere la pace di Cristo per noi.

Ma anche gli strumenti liturgici sono un’immagine di Maria, come è espresso chiaramente nella liturgia etiopica, quando si elogia la Beata Vergine: “Rallegrati, tavola d’oro su cui matura lo squisito mistero. Sei il vaso d’oro in cui è conservata la manna, questo pane che ci è venuto dal Cielo. Sei quella patena d’oro che trasporta il pane sacrificale. Sei quel calice d’oro che contiene questo vino misterioso, aromatizzato con il profumo dello Spirito Santo … Sei il turibolo d’oro che contiene il carbone ardente della divinità”.

Padre Frédéric Faber esprime la stessa cosa con queste parole: “Il cuore di Maria è l’altare vivente su cui viene offerto il sacrificio. Questo cuore trafitto è anche come il ministrante della messa le cui risposte liturgiche rappresentano le palpitazioni dell’amore di Maria. È l’incensiere in cui fede, speranza, amore e adorazione da tutto il mondo sorgono come incenso davanti all’Agnello immolato. È questo meraviglioso coro le cui armonie superano il coro di tutti gli angeli. Le sofferenze silenziose di Maria non sono forse un mormorio segreto che accompagna e conforta con il suo canto, la santa vittima immolata?”

Maria è quindi lo spazio spirituale, l’atmosfera santa, il santuario in cui siamo trasformati per poter comprendere e penetrare sempre più profondamente, il grande dramma divino della santa Messa e ricevere tutti i frutti di questo albero della vita.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Perché nella Messa bisogna stare sotto la Croce insieme a Maria?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*