VIA PULCHRITUDINIS: “Lezione di cucito” (Johann George Meyer von Bremen)

Rubrica a cura di Corrado Gnerre


Noi de Il Cammino dei Tre Sentieri siamo convinti che è importante ribadire che Dio è Somma Verità, Somma Bontà e Somma Bellezza. Che la Verità Cattolica non solo è “vera” ma è anche “bella”, che non solo soddisfa pienamente l’intelligenza con la sua inappuntabile logica, ma anche il cuore con il suo costitutivo e irresistibile fascino. Ed ecco perché le nostre meditazioni devono muovere anche dalla contemplazione della Bellezza, utilizzando quella che si è soliti definire la “Via Pulchritudinis”… appunto: la “Via della Bellezza”, che è il Terzo Sentiero de “Il Cammino dei Tre Sentieri”


“Lezione di cucito” di Johann George Meyer von Bremen (1813-1886)


Essere instradati nella vita. Ovvero essere orientati.

La vita non è l’esito del caso.

La vita non è un incidente di un percorso che nessuno avrebbe progettato.

La vita è l’esito di un progetto.

Pertanto, c’è un fine da raggiungere.

Per ogni vita c’è un fine e c’è il Fine.

Il fine è trafficare per bene i talenti che la Provvidenza di Dio ha donato ad ognuno.

Il Fine è Dio stesso.

Ma perché questo accada, occorre che ci sia una sequela. Occorre che si faccia tesoro dei maestri che la Provvidenza fa incontrare nella vita.

Un’anziana donna sta insegnando ad una bambina (forse la nipote) come si cuce. Tecnica indispensabile per divenire in futuro una buona mamma.

Il corpicino della piccola è quasi accolto dal corpo dell’anziana. Le braccia di lei guidano quella della piccola.

I due corpi sono orientati verso il lavoro, ma quello dell’anziana sembra spingere e guidare quello della bambina.

E’ il mistero dell’apprendere, che è a sua volta il mistero del vivere.

Non c’è vita senza sequela.

Non c’è vita senza saper far tesoro della sapienza di coloro che hanno preceduto nel tempo.

Siamo nani sulla spalle di giganti” diceva sapientemente la Scuola di Chartres per indicare come il vero progresso consistesse sempre nel far tesoro della Tradizione.

Una piccola scena di vita domestica dentro un decoro ed un’eleganza di un ambiente che gradevolmente incorniciano quell’apprendere discreto ma decisivo.

Intanto anche una pianta alla finestra segue il suo corso, s’inclina umilmente per farsi illuminare quanto più possibile dalla luce del sole.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI

Be the first to comment on "VIA PULCHRITUDINIS: “Lezione di cucito” (Johann George Meyer von Bremen)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*