SOSTA: Povero quel peccatore che è felice in questa vita!

Da “Regolamento di vita” di sant’Alfonso Maria de’ Liguori, Capitolo III, paragrafo IV


Dice san Giacomo che la pazienza è l’opera perfetta di un’anima: Patientia autem opus perfectum habet (Gc 1,4).

La pazienza è quella che ottiene il Paradiso.

Questa terra è luogo di meriti, e perciò non è luogo di riposo, ma di fatiche e patimenti; onde a questo fine Dio ci fa qui vivere: acciocché con la pazienza ci guadagniamo la gloria del paradiso.

Tutti in questo mondo hanno da patire, chi patisce con pazienza meno e e si salva, chi patisce con impazienza patisce di più e si danna.

Non ci manda il Signore le croci per vederci perduti, come dicono alcuni impazienti, ma per vederci salvi e più gloriosi in cielo.

I dolori, le traversie, tutte le altre tribolazioni accettate con pazienza, sono le gioie più belle della nostra corona in paradiso.

Quando dunque ci vediamo tribolati consoliamoci e ringraziamo Dio, perché è segno che Dio ci vuole salvi; e ci castiga in questa vita, ove i castighi sono leggeri e brevi, per non castigarci nell’altra, ove i castighi sono acerbi ed eterni.

Povero quel peccatore che è felice in questa vita! E’ segno che Dio gli riserba il castigo eterno.


Dio è verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI

Be the first to comment on "SOSTA: Povero quel peccatore che è felice in questa vita!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*