A proposito di negozi sempre aperti… ti diciamo perché è stata distrutta la Domenica

Tra i tanti attacchi alla civiltà cristiana vi è indubbiamente anche quello di aver distrutto la Domenica, cioè il riposo settimanale che un’intera comunità attendeva. Oggi si conserva il diritto al riposo settimanale, ma ognuno per i fatti suoi. Per non parlare del fatto che gli esercizi commerciali ormai sono aperti sette giorni su sette.

Ci sono almeno tre motivi per cui per cui è giusto che un’intera comunità si riconosca nella Domenica.

Primo motivo

La famiglia non è un insieme di individui che casualmente vivono insieme. Nella famiglia il tutto non è il semplice insieme delle parti: è qualcosa di altro e di nuovo. La famiglia è un corpo a se stante, laddove è la stessa unione che forma l’unità. Se la famiglia è unita rimane famiglia, altrimenti non lo è. Ed è pertanto naturale che la famiglia, pur con gli impegni diversi dei singoli componenti, debba vivere un’identica scansione temporale (ovviamente nei limiti del possibile). Ed è per questo che una volta si pretendeva giustamente che almeno si mangiasse insieme, cioè ci si ritrovasse insieme al momento del pranzo o della cena. Oggi, è diventato difficile, è pertanto giusto che possa avvenire almeno la Domenica.

Secondo motivo 

Il riposo lavorativo è un beneficio individuale, ma che deve essere vissuto anche anche a livello comunitario. Un riposo per sé conta relativamente, o meglio: può contare solo se si ha una visione individualistica del proprio esistere. Ma se si vive in comunità, a che serve un riposo per sé se i propri cari sono affaccendati? Ci si potrà ristorare da soli?

Terzo motivo

Il riposo lavorativo è la grande pedagogia del sano rapportarsi al tempo. Non ce ne è una migliore. Una comunità (non solo la famiglia, ma anche la società) deve fornire questo grande insegnamento esistenziale: il tempo è un dono, di cui l’uomo può disporre relativamente. E’ per questo che la morale cattolica per la Domenica impone il riposo dalle attività servili e impone anche di dedicare più tempo alla preghiera. Tutto questo per riflettere sul fatto che il tempo è un dono di Dio e, proprio perché è un dono di Dio, esso va restituito a Lui. Quando qualcuno fa questa obiezione: non ho tempo per pregare… verrebbe da rispondergli: …quanto tempo avresti, se Dio non te lo donasse?

Anche su questo ci piace essere chiari: la Domenica è stata distrutta per un motivo molto semplice. Perché essa richiama il dovere dell’uomo ad essere veramente uomo, cioè ad essere creatura (bisognoso di Dio) e a riconoscersi non autosufficiente (bisognoso dell’altro).

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "A proposito di negozi sempre aperti… ti diciamo perché è stata distrutta la Domenica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*