Intimità tra fidanzati? Cosa è moralmente lecito e cosa non lo è.

In questo tempo di “cattolici pelagiani” e “rigoristi” (dove sono? bah!….) parlare di certe cose diventa difficile e anche -diciamolo francamente- rischioso, nel senso che ci si riduce ad essere bersaglio di pubblico ludibrio. Non solo “pubblico”, anche “ecclesiale” ludibrio. Perché i primi ad aver abbandonato un giudizio cattolico sulla morale sessuale sono proprio coloro che frequentano parrocchie, sagrestie e oratori. E’ una esagerazione dire i “primi”? Non lo pensiamo. “Primi” in questo caso non vuol dire “unici” o “soprattutto” (è evidente che il mondo e la maggioranza delle persone stanno andando dove stanno andando), piuttosto vuol dire un’altra cosa, e cioè che mentre il mondo vive paganamente e non lo sa, molti cattolici vivono paganamente con piena responsabilità, sapendo cosa hanno lasciato e sapendo cosa stanno scegliendo. Si tratta, insomma, di un abbandono consapevole e perfino teorizzato.
Detto questo, entriamo nell’argomento: come devono comportarsi i fidanzati cattolici nella loro intimità?
Nel libro “Per meglio confessare” di A. Chanson (manuale per confessori dei tempi di Pio XII), si parla del tema delle cose lecite e non lecite tra fidanzati. Chanson distingue: i baci passionali (a bocca aperta) sono peccati gravi perché ovviamente procurano un piacere carnale che è lecito solo alle persone sposate; invece i baci casti, dati a bocca chiusa, possono essere tollerati se sono dati solo come segno di affetto senza provare piacere carnale.
 
Ovviamente, bisogna stare attenti e mai confidare nelle proprie forze. Vanno sempre evitate le occasioni prossime di peccato. Sant’Alfonso Maria de Liguori, parlando della lussuria, dice che così come la paglia messa vicina al fuoco si brucia anch’essa, allo stesso modo se due persone non legate da vincolo coniugale si mettono in eccessiva confidenza, sarà facile che commettano qualche peccato mortale: incendiati dalla passione, è difficile che ci si riesca a trattenere.
 
Ovviamente tra persone sposate baci, abbracci, oltre ad essere consentiti, sono utili ad alimentare il vicendevole affetto coniugale. L’importante è evitare che queste cose possano causare la polluzione, cioè la dispersione del seme, il quale può essere deliberatamente effuso solo all’interno dell’apparato riproduttivo della moglie e solo durante un rapporto coniugale attuato in modo naturale.
Abbiamo fatto la figura dei “cattolici moralisti”? Non ci interessa. Abbiamo solo fatto indegnamente il nostro dovere!
Dio è Verità, Bontà e bellezza
Il Cammino dei Tre Sentieri

Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "Intimità tra fidanzati? Cosa è moralmente lecito e cosa non lo è."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*