La Bisaccia …con Stephane Mallarmé

Tra gli strumenti di un cammino vi è la bisaccia, una borsa con cui poter portare il piccolo necessario; non certo il pasto che i pellegrini chiedevano e chiedono agli ostelli, ma qualche semplice e piccolo boccone per sostenere il passo. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Bisaccia”  è un insegnamento della sapienza naturale con cui poter sostenere il passo dell’esistenza e confermare la scelta della bellezza della Verità Cattolica. 

(69)

Il mondo è fatto per finire in un bel libro

Stephane Mallarmé (1842-1898) – Prose diverse

Che cosa è un bel libro?

Può essere un libro che si legge piacevolmente.

Può essere un libro che ha una storia avvincente.

Può essere un libro rilegato bene, con belle raffigurazioni, elegante e bello a vedersi.

Mallarmé dice che il mondo è stato fatto perché finisca in un bel libro.

Finisca, nel senso di essere descritto, significato, rappresentato, raccontato…

Ed è così.

Il mondo è piacevole… come un libro che si legge piacevolmente.

Il mondo è avvincente… come un libro che ha una storia avvincente.

Il mondo è bello… come un libro bello a vedersi.

Ma perché il mondo finisca in un bel libro, occorre che il mondo sia davvero mondo.

Mondo etimologicamente viene da mundus, cioè pulito, chiaro.

Per estensione mondo viene da mundus locus, cioè luogo chiaro, pulito.

Luogo chiaro vuol dire un luogo che abbia un significato, che sia intellegibile, che scaturisca da un progetto e manifesti un ordine.

Un luogo come kosmos e non come khaos.

Si è vero: il mondo è fatto per finire in un bel libro. Ma non un mondo qualsiasi, il mondo come qualcosa di “progettato” da Dio!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "La Bisaccia …con Stephane Mallarmé"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*