La Borraccia n.146

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.

L’ACQUA

Tutto passa, ciò che non è eterno è niente…il demonio ha paura della gente allegra.
(San Giovanni Bosco)

I SORSI

1

Cari pellegrini, non basta solamente camminare, bisogna anche farlo con letizia.

2

Ma cosa è la letizia? Non sempre coincide con la consolazione, cioè con quel cuore colmo di gioia che si sperimenta quando tutto va bene, quando non ci sono problemi che attanagliano l’esistere e quando la mente è sgombra da pensieri negativi.

3

La letizia è quando, malgrado le prove e le difficoltà, il cuore sperimenta l’abbandono a Dio, cioè la sicurezza di una compagnia che è talmente grande e potente da assicurare una stabilità che non può essere scalfita da nulla. C’è letizia quando la Speranza anima l’agire.

4

Dunque bisogna camminare con letizia e inoltre la letizia deve scaturire dal cammino verso l’autentico ed unico Fine.

5

L’acqua di questa borraccia è costituita da due celebri citazioni di san Giovanni Bosco (1815-1888) le quali significano proprio ciò che abbiamo detto al “sorso” 4: camminare con letizia e la letizia fondata nel cammino verso l’autentico Fine.

6

Iniziamo dalla prima: “Tutto passa, ciò che non è eterno è niente.” Si tratta, cari pellegrini, dell’unica e vera sapienza che è decisiva per il nostro essere veri uomini.

7

Nel Vangelo c’è un episodio che a riguardo è importante ricordare. Gesù pensa che gli apostoli se ne vogliano andare, ma Pietro gli dice: “Signore, da chi andremo? Tu solo hai parole di vita eterna!” (Giovanni 6) Nelle parole di Pietro c’è ognuno di noi e ci sono tutti gli uomini. Indipendentemente se si è colti o incolti, se si è potenti o semplici, se si è ricchi o poveri, se si è sani o malati… tutti hanno bisogno di “parole di vita eterna”. In un certo qual modo possiamo dire che questa è la vera “democrazia”, la “democrazia” del bisogno di infinito, di assoluto, di eternità… appunto.

8

Se non si capisce questo, si fallisce tutto. Si fallisce non solo l’esistere, ma si fallisce anche ciò che reputiamo essere la nostra fede. Cosa significa essere cristiani se non si ha piena consapevolezza di essere in cammino verso l’eternità e che tutto ciò che incontriamo in questo cammino può acquistare sapore e spessore solo nella prospettiva dell’attesa dell’Eterno?

9

Da qui, cari pellegrini, il fallimento di un Cristianesimo di stampo neo-pagano, tutto appiattito sul mondo, dimentico dell’assoluta necessità della Vita di Grazia e dimentico anche della verità secondo cui le catastrofi più grandi non sono né le guerre, né i disastri ambientali, ma unicamente il peccato. Un solo peccato mortale è più grave di tutti gli altri mali messi insieme.

10

Cari pellegrini, l’altra citazione di don Bosco dice così: “Il demonio ha paura della gente allegra.”

11

Ebbene, diciamo prima cosa è l’allegria a cui fa riferimento il Santo. E’ quello stato d’animo visibile (l’allegria deve essere testimoniata) che scaturisce dalla letizia cristiana.

12

Qualcuno potrebbe obiettare: ma come faccio ad essere gioioso se la mia vita è nella sofferenza, nelle prove, nel disagio? E’ ciò che abbiamo detto prima: la letizia cristiana non è alternativa alla sofferenza, ma alla disperazione. I santi hanno sofferto, eccome …eppure non hanno mai perso la letizia.

13

La letizia scaturisce dalla Speranza teologale, cioè dalla certezza che tutto è già risolto in Cristo e che, se ancora la nostra vita non vive nella pienezza della felicità, ciò avverrà sicuramente se si rimane in Cristo come i tralci nella vite (Giovanni 15).

14

Ed ecco spiegato perché san Giovanni Bosco dice che il demonio ha paura della gente allegra. Per due motivi: primo, perché se si è allegri (anche nella sofferenza) significa che la vita è fondata sulla Speranza di Cristo; secondo, perché chi testimonia l’allegria cristiana fa capire che solo Cristo è la soluzione del proprio esistere.

Al Signore Gesù

Signore, fa che la mia vita sia sempre e solo un cammino verso l’incontro pieno con Te in Paradiso: unica vera gioia.

Alla Madre Celeste e dello Splendore

Madre, tu hai vissuto sapendo ciò che sarebbe toccato al tuo amatissimo Figlio.
Eppure non hai mai perso la Speranza, non hai mai perso la gioia.
Io non so cosa mi attenderà, non so cosa permetterà la Provvidenza nella mia vita, ma ti prego, Madre, fa che la gioia possa sempre essere “segno” dell’appartenenza a Te e al tuo Divin Figlio.
Accompagnami, Madre, nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza
Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "La Borraccia n.146"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*