LA SELEZIONE CATTOLICA – Finora in Arabia Saudita le donne non potevano da sole denunciare i crimini alla polizia. Ma per l’Occidente gli stati-canaglia sono Iran e Siria!

FONTE: avvenire.it

TITOLO: Una svolta per le donne: potranno denunciare i crimini alla polizia

AUTORE: Simona Verrazzo

In Arabia Saudita, su ordine di re Salman, le donne potranno recarsi negli istituti governativi o presentarsi alla polizia senza l’autorizzazione del padre, del marito o di altri membri maschi della famiglia, cioè il tutore («mahram» in arabo). Una decisione, all’apparenza elementare, ma che costituisce invece un altro passo verso l’emancipazione femminile, in un Paese dove vige una rigida separazione tra i sessi, con le donne che non possono guidare e hanno il diritto al voto (e a essere elette) soltanto dal dicembre 2015. Il sovrano, riferisce la tv Al Arabiya, ha chiesto alle organizzazioni governative, sparse nel regno, di adeguarsi alla nuova direttiva entro tre mesi, identificando tutti i servizi in cui, finora, era obbligatoria l’autorizzazione e la presenza del mahram.

(…)

Share on:

Be the first to comment on "LA SELEZIONE CATTOLICA – Finora in Arabia Saudita le donne non potevano da sole denunciare i crimini alla polizia. Ma per l’Occidente gli stati-canaglia sono Iran e Siria!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*